Direi bello e infatti lo dico. Bello e istruttivo.
Non sto a raccontare la trama, che le recensioni non le so fare.
Allora farò un po’ di considerazioni così come mi vengono. Intanto direi che da questo film emerge chiaramente che gli uomini sono tutti dei bastardi. Ecco che un bel giorno l’uomo della tua vita, che pare tanto innamorato, con la scusa che l’uragano ha devastato una parte della casa e deve andare dal ferramenta per comprare un po’ di chiodi per rattoppare la finestra, sale in macchina e non torna più a casa. Non solo, ma ti lascia da sola ad affrontare i mostri provenienti dall’altra dimensione. Tipico degli uomini: c’è una difficoltà? dei ragni ti abbozzolano? loro dove sono? al supermercato a fare l’occhiolino a una bionda. E neppure una telefonata. La scusa è che le linee sono interrotte per via dell’invasione aliena, ma quale donna ci crede? Eh?
No, gli uomini sono così, opportunisti, e anche quella poverina che parte in macchina con lui, l’uomo che esce a comprare i chiodi, e si prende cura del figlio, che fine fa?
Terribile.
Lo trovo un film istruttivo perché oltre a raccontarti di come bisogna diffidare dei santoni da supermercato, ti dimostra che nella vita può capitarti di tutto e però non bisogna mai mai mai perdere la speranza. Perché ad un certo punto la nebbia che ti avvolge si dirada e allora vedi come stanno realmente le cose e i fatti.
È quello che è accaduto a me.
Mi sono sentita presa dalla nebbia, circondata da mostri orrendi.
Avrei voluto un altro agosto, un’alta notte, un’altra fine.
Ma va bene così.

Annunci