Sì, dai, questo nuovo Sherlock Holmes è affascinante. Astuto, intelligente, possessivo, geloso, egocentrico e pure stronzo. Bello. Una scena su tutte: quando suona alle mosche intrappolate nel cilindro, perché anch’io vorrei produrre armonia dal caos che è diventata la mia vita; e una frase: “non c’è niente di più sfuggente dell’ovvio” : queste sono proprio le parole che cercavo per iniziare l’anno con l’atteggiamento giusto.
Ha a che fare con il non vedere, con il complicare quello che è semplice.
Ma poiché non c’è perfezione a questo mondo, tranne me naturalmente, avrei tolto qualche minuto di scazzottate per dare più spazio alle spiegazioni finali, alle pozioni rinvenute nel laboratorio clandestino e agli oggetti sottratti nella stanza segreta.
Ma è piccola cosa.
Mi sono divertita e questa è una grande cosa.
Infine un annuncio di lavoro. nell’ultima puntata della prima serie di Sanctuary il dr Watson di cui sopra muore, quindi il posto di direttore è libero. Forse qualcuno è interessato. Io credo proprio che dovrei candidarmi, in fondo sono astuta, intelligente, possessiva, gelosa, egocentrica e pure stronza anch’io.
Spero.

Annunci